Latinoamerica, una passione rivoluzionaria

Scritto dasu 26 Mag 2017

Un continente sotto attacco degli interessi del capitalismo.

Gli eventi venezuelani di questo periodo, raccontati  dai media occidentali senza considerare molti aspetti della realtà attuale, dei livelli di scontro violento (ricercato da un’opposizione trucidamente fascista e squadrista) e della posta in gioco nel cortile di casa degli Usa, a cui si sommano le tensioni e il rischio di un secondo impeachment in Brasile, dopo il golpe giudiziario ai danni di Djilma Roussef, ci hanno ispirato il bisogno di confrontarci con Adalberto Belfiore, esperto dell’area per lunga pratica dei luoghi interessati dalle manifestazioni contro il potere di Maduro e per aver vissuto e partecipato a lungo all’esperienza sandinista in quel Nicaragua, che fu un’altra esperienza di rovesciamento degli interessi liberisti che per dieci anni aveva fatto della lotta di classe la spina nel fianco degli statunitensi, per poi risolversi ora malamente in un’occupazione del potere, dopo essersi appropriati dei frutti dela rivoluzione.

 

Quello che ne è scaturito è un viaggio appassionato tra conquiste e welfare sociale autentico, attacchi della reazione fascista e scelte che hanno condotto a tracolli economici che travolgono le punte più avanzate dei tentativi revolucionari, che significa trovare il modo di far emancipare gli strati sociali inferiori ed eliminare le disuguaglianze.  Ma nela narrazione di Adalberto rimane al fondo ancora qualche speranza che l’esperienza bolivariana nel continente possa proseguire, contrastando gli interessi del capitalismo.

 

Unknown


Current track
TITLE
ARTIST