Notre Dame: contro la messa di melassa

Scritto dasu 17 Aprile 2019

Un profluvio di ipocrisie ha invaso i giornali di tutto il mondo dopo l’incendio di Notre Dame. Il sentimento di dolore davanti alle rovine fumanti della cattedrale parigina è stato subito sfruttato da Macron per rimandare l’annuncio delle poche misure prese in reazione al movimento dei gilet gialli e invocare l’unità nazionale. Nel frattempo si tace sul vergognoso piano di tagli pubblici nella prevenzione e tutela del patrimonio artistico (servivano da anni 150 milioni di euro per restaurare Notre Dame, mai stanziati). Suppliscono, in ritardo, allo Stato milionari mecenati protagonisti di clamorosi casi di evasione fiscale,  che tirano fuori dal portafoglio milioni come fossero noccioline nel tripudio della stampa. In fondo il caso Notre dame è in prima pagina mentre la distruzione di siti di immenso valore in zone lontane dallo sguardo bianco e occidentale può essere relegata in secondo piano.

Ne abbiamo parlato con Tomaso Montanari, storico dell’arte e professore ordinario all’UNISTRASI

Contrassegnato come:

Current track
TITLE
ARTIST