Stati Uniti. La sacra alleanza che sostiene Trump

Scritto dasu 20 Ottobre 2020

Si infiamma la campagna elettorale in vista delle presidenziali del prossimo novembre, tra pandemia e minacce di guerra civile.
La galassia di gruppi di estrema destra statunitensi, divisi e rissosi, si sono uniti nella crociata per la rielezione di Trump.
Si tratta di gruppi armati, che stanno rinforzando i loro arsenali nell’eventualità di una sconfitta di Trump.
Il contesto politico e sociale non è favorevole a presidente in carica. Il bilancio della pandemia colloca gli Stati Uniti in cima alla classifica dei morti di covid sia in termini assoluto – 220.000 morti – che in rapporto alla popolazione.
L’impossibilità di avere cure adeguate, tipica di un sistema sanitario, che le garantisce solo a chi è in grado di pagarsi un’assicurazione sanitaria. Anche chi ne ha una rischia la pelle, perché il tipo di cure dipende dal genere di assicurazione che si è stati in grado di sottoscrivere.
La crisi economica è più profonda di quella europea dove il Pil perde una media di 10/12 punti percentuali: quello statunitense si attesta tra il 30 e il 35%.
La politica di finanziamento alle imprese senza alcuna contropartita sociale – blocco dei licenziamenti o altri ammortizzatori – ha precipitato nella miseria altre fette della popolazione.

L’alleanza di estrema destra non istituzionale che sostiene Trump ha due tratti comuni: il suprematismo bianco, che vede neri, ispanici, ebrei, asiatici come intrusi; il complottismo, che vede nella possibile mancata rielezione il segnale di brogli.

Sul piano istituzionale Trump ha una solita base tra gli esponenti delle polizie locali, che in questi anni ha fortemente finanziato con fondi federali. In molte contee i soldi ricevuti sono stati spesi per rinforzare gli equipaggiamenti militari, che sono stati ampiamente impiegati durante le proteste dell’estate e di questo primo scorcio d’autunno contro le violenze razziste della polizia nei confronti degli afroamericani.

Ne abbiamo parlato con Robertino Barbieri

Ascolta la diretta:

2020 1020 states rob

 


Current track
TITLE
ARTIST