solidarietà a Boba

Scritto dasu 13 Aprile 2021

Comunicato Radio Blackout – Sulla richiesta di sorveglianza speciale per Boba
 
Il 21 aprile la procura di Torino deciderà in merito alla richiesta di sorveglianza speciale avanzata dalla PM Emanuela Pedrotta per Boba, militante torinese e storico redattore di Radio Blackout.
 
È difficile, se non impossibile, riassumere in poche righe quanto questa misura preventiva di fascista memoria sia inaccettabile e vergognosa, e quanto dovrebbe preoccupare tutti e tutte per le sue conseguenze, ovvero l’isolamento dalle reti sociali e dalla vita politica, lo svilimento e la limitazione delle libertà individuali. Per questo, rimandiamo in calce a queste poche righe alcune analisi prodotte negli anni dato che, da qualche anno ormai, assistiamo a questo tipo di richieste per compagni e compagne che si impegnano nelle lotte.*
Tra i vari elementi contenuti in quel grottesco genere letterario che costituisce la profilazione degli individui che si meriterebbero la sorveglianza speciale, nel caso di Boba, come elemento provante della sua “pericolosità sociale”, c’è anche la decennale partecipazione alla realtà della nostra radio.
 
Quello che ci preme particolarmente in questa sede è in primis ribadire la nostra solidarietà e vicinanza a Boba. Questo compagno e amico ha fatto parte della Radio per tanti anni, e come redattori e redattrici ci rivendichiamo pienamente la nostra attività politica e sociale.
 
Ci rivendichiamo pienamente infatti di aver dato voce ai movimenti e agli individui che lottano per la libertà e per la giustizia sociale e ambientale; di aver raccontato la violenza del potere e dato sostegno a chi è stato colpito dalla repressione. Continueremo ad essere il megafono di movimenti, lotte sociali e soggetti considerati pericolosi. Continueremo a proporre un’informazione critica e autonoma, dando spazio a riflessioni, notizie e sonorità che non rispondono a logiche di mercato e ai dettami tipici dei media mainstream. Continueremo a creare momenti di incontro e convivialità per vivere già da oggi una società radicalmente diversa.
 
Non abbiamo mai creduto nella costituzionale e democratica libertà di informazione, espressione, opinione. Tuttavia, crediamo sia necessario riflettere sul livello di repressione, censura e persecuzione giudiziaria che viene messo in campo dalle procure del nostro paese e in particolare in questa città. La risposta delle istituzioni alla crisi economica generalizzata, al dilagare della povertà e al disastro ambientale sembra risolversi in una continua e sistematica criminalizzazione del conflitto sociale e delle istanze di cambiamento radicale. In questa cornice, partecipare ad una radio autogestita, frequentare alcuni spazi e certi individui, addirittura scrivere un romanzo possono diventare buoni elementi per misure di sicurezza preventive.
 
Noi, dal nostro punto di vista, siamo orgogliosi di porci in aperta opposizione ad un sistema che sfrutta, devasta e impoverisce e che per perpetuarsi usa la censura, la repressione e il controllo. 
 
Noi non siamo come voi
 
* Link approfondimenti sorveglianza speciale

a seguire l’intervista a Boba durante A.C.A.B (aperitivo controinformativo ardecore balengo)

Contrassegnato come:

Continua a leggere

Prossimi articoli

Onde indopacifiche 19


Thumbnail
Articoli precedenti

Fedez, l’Eni e il DDL Zan


Thumbnail

Radio Blackout 105.25

One station against the nation

Current track
TITLE
ARTIST