Si inaugura il presidio di Chiomonte: una “castagnata”…ma per il cantiere. Reti e fari vanno a terra

Scritto dasu 5 Novembre 2012

Chiomonte: Sabato 3 novembre, festa di inaugurazione del nuovo presidio no tav. Canti, balli, castagne, vino e tanta voglia di lottare. Si è aperta così questa giornata no tav, con il taglio del filo spinato che chiudeva la porta di ingresso del nuovo edificio, taglio che apre la nuova stagione di lotta invernale. L’area è quella del campeggio estivo che quest’anno per oltre tre mesi ha ospitato centinaia di no tav provenienti da tutta Italia e tantissime iniziative, e ora ospiterà un luogo riscaldato che consetirà a tutti i no tav di ripararsi dal freddo e trovare un luogo accogliente per discutere ed organizzarsi. Un bicchiere di vin brulè e le famose castagne brusatà della valle di Susa hanno allietato la festa e caricato il morale di tutti. Alle 17.00, dopo il taglio di inaugurazione, si è poi partiti tutti insieme alla volta del cantiere. Centinaia di no tav hanno raggiunto le reti iniziando con una forte battitura e una serie di cori verso lo scempio che lentamente avanza. Poi ancora il muro che viene giù sotto i colpi delle pietre e della forza dei notav. Ed infine arrivano anche le trance che aprono un varco tra le recinzioni e così alcuni no tav riescono ad oltrepassare i recinti sotto la pressione dell’idrante della polizia che però non riesce a fermarli. Crolla così anche una torre faro, tra gli applausi della folla festante che ha saputo premere e resistere. Una bella “castagnata” per le forze dell’ordine che hanno assistito inermi alle azioni dei notav.

Della giornata di sabato e delle prossime iniziative Notav, abbiamo parlato con Luca Abbà, noto notav e corrispondente abituale della nostra radio.

[audio:https://radioblackout.org/wp-content/uploads/2012/11/Luca-cels.mp3|titles=Luca cels] Ascolta l’audio della diretta

Contrassegnato come:

Current track
TITLE
ARTIST