Jugoslavia non c’è più?

Scritto dasu 14 Febbraio 2014

An anti-government protester kicks a surveillance camera during clashes with police in SarajevoNella ex (?) Jugoslavia serpeggia una sorta di nostalgia di quando non tutto passava attraverso la contrapposizione “etnica” (che poi come termine è una violenza anche del codice comunicativo che si adotta): infatti le persone, le più disparate e con esasperazioni diverse hanno fatto sentire la loro rabbia nei giorni scorsi a partire da Tuzla, città industriale da sempre, dove poche centinaia di operai hanno cominciato a scontrarsi con la polizia per dimostrare le condizioni disperate in cui versano: disoccupazione, salari da fame, pensioni da fame, nessuna considerazione per esigenze di welfare… da Tuzla l’incendio si è esteso finché è stato assaltato anche il palazzo del governo di Sarajevo e dato alle fiamme da una folla ribelle e inferocita… e non è finita, perché il male di vivere non è ovviamente risolto in quella che era la repubblica che incarnava meglio il coacervo di persone eterogenee capaci di costituire una nazione fatta di molte culture basata sulla fratellanza e che poi si è dissolta in tanti nazionalismi contrapposti. La Bosnia.

Daniele Gaglianone ha realizzato qualche anno fa Rata nece biti (La guerra non ci sarà), aggirandosi per quelle lande, dolorosamente e umilmente cercando di capire e incontrare senza pregiudizi persone che erano tali prima di essere serbi, croati, bosniaci… ci è parso quindi l’interlocutore dal quale trarre non tanto analisi, quanto sensazioni su quello che è accaduto e può accadere ancora: sperabilmente non la guerra, quanto invece una possibilità di convivenza solidale.

 

Poi non abbiamo saputo resistere: avere a disposizione Daniele, in viaggio in treno e quindi senza la possibilità di sfuggire alla nostra curiosità, gli abbiamo posto un paio di questioni relative al suo ultimo film, senza intenti pubblicitari, ma perché anche in quel caso l’opera è resa viva dalla adesione e dalla partecipazione emotiva di Daniele, quando affronta le sue idee cinematografiche…

 

 


Current track
TITLE
ARTIST