Il CIE di Torino brucia ancora

Scritto dasu 13 Marzo 2014

cri9 marzo. Poco prima delle dieci i prigionieri appiccano il fuoco in cinque camere dell’isolamento e in tutti gli stanzoni dell’area gialla.
Poco dopo, di fronte al CIE si forma un presidio di una settantina di solidali, che sostengono con slogan e battiture la lotta dei reclusi. In serata va a fuoco anche l’area bianca.
I reclusi finiscono a dormire in terra.
Il giorno successivo vengono ammassati nei pochi spazi ancora agibili del Centro.
La polizia ha interrogato i prigionieri delle aree bruciate sui fatti della sera precedente e sui loro contatti con l’esterno. Evidente lo scopo indimidatorio.
In questi giorni parte la nuova gara d’appalto per la gestione del CIE di corso Brunelleschi, con base a 40 euro a detenuto, quasi la metà del costo attuale. La Croce Rossa militare che ha gestito il CIE di Torino sin dalla sua apertura nel 1999, si ricandida alla gestione.
Sabato 15 alle 16 ci sarà un presidio di protesta davanti alla sede della CRI, in via Bologna 171.

Ascolta la diretta con Andrea di Macerie:

cie_torino

e poi l’intervento di Davide a proposito in particolare dei soggetti del terzo settore  che lucrano sulle disgrazie altrui solidali con la Prefettura committente

2014.03.13-davide_crocerossa

 

Contrassegnato come:

Current track
TITLE
ARTIST