Francia: la ‘costituzionalizzazione’ dello stato di emergenza

Scritto dasu 11 Febbraio 2016

L’Assemblea nazionale francese ha espresso ieri un primo voto favorevole all’interno di quello che sarà un lungo processo decisione sulla “costituzionalizzazione” dello stato di emergenza.
La riforma contiene due proposte fortemente discutibili, decise sull’onda dell’emozione e della paura create dagli attentati del 13 novembre: l’introduzione dello stato d’emergenza nella Costituzione e l’estensione della possibilità di ritirare la nazionalità francese a tutti i cittadini con un doppio passaporto, anche coloro che sono nati francesi, in caso di condanna definitiva per terrorismo.
La tensione è ovviamente estrema. Il dibattito sulla privazione della nazionalità solleva in termini drammatici la questione dell’identità, diventata una vera e propria ossessione in Francia in questo periodo, caratterizzato dalla crescita elettorale del Fronte nazionale.

Per fare un punto sulla situazione abbiamo parlato in diretta dalla capitale francese con Filippo, giornalista freelance nonché corrispondente di Radio Onda Rossa.

Unknown


Current track
TITLE
ARTIST