Milano, no al trasferimento dell’Università a Expo: cariche sugli studenti della Statale

Written by on 7 marzo 2018

Ieri il senato accademico dell’Università Statale di Milano doveva decidere in merito allo spostamento delle attività dell’ateneo sull’area di Expo, rimasta deserta con la conclusione del grande evento del 2015 (un destino ampiamente previsto e denunciato da quanti da subito si opposero all’esposizione universale nel capoluogo lombardo).

Stando al progetto – caldeggiato da tempo dal Rettore Gianluca Vago – il trasferimento della Statale dall’attuale Città Studi comporterebbe una drastica riduzione degli spazi a disposizione dell’ateneo, oltre che lo spostamento in una zona di piena periferia. Una mossa tutta tesa a coprire lo sfacelo lasciato da Expo 2015 gettando nelle mani di investitori privati la realizzazione del tutto,  in cambio della promessa dell’ennesima opportunità di speculazione.

Da mesi studenti, lavoratori dell’Università e abitanti del quartiere si stanno opponendo al trasferimento, un progetto ben lontano dal trovare un consenso generalizzato. Ieri studenti e studentesse hanno deciso di mobilitarsi per contestare la seduta del Senato Accademico, la cui sede è stata cambiata all’ultimo momento dal rettore nel tentativo di tenerla al riparo dalle proteste. Un partecipato corteo si è mosso da Via Festa del Perdono, trovandosi di fronte un grosso schieramento di polizia che voleva impedire alla manifestazione di avanzare. Nonostante due cariche violente e ravvicinate, studenti e lavoratori sono rimasti compatti e hanno proseguito il corteo per poi riunirsi in assemblea per decidere i prossimi passi della mobilitazione.

Abbiamo sentito Lucio del Collettivo OffTopic:

lucio_OT


Current track
TITLE
ARTIST