Cina: intelligenza artificiale al servizio della repressione

Scritto dasu 23 Dicembre 2019

Nel contesto cinese – e naturalmente altrove – il controllo e la repressione governativa del malcontento sociale vengono sempre più spesso esercitati attraverso la tecnologia, spingendo all’estremo ciò che è stato definito “capitalismo di sorveglianza “, cioè l’utilizzo di software di intelligenza artificiale (AI) e di strumenti di apprendimento automatico che studiano il comportamento dei consumatori per prevederne le preferenze. Le misure di sorveglianza che il governo di Xi Jinping sta implementando in realtà non rappresentano di per sé una novità, inserendosi in una specifica genealogia di controllo che da secoli caratterizza la società cinese, in modo differenziale a seconda del grado di conflittualità espresso nei diversi territori.

Emblematico è in questo senso il caso dello Xinjiang, storicamente oggetto di repressione, dove è in atto un processo di sinizzazione forzata con metodi che si servono sempre più delle nuove tecnologie. Ad esempio, le telecamere di sorveglianza di tutto il paese sono state programmate con un software che identifica gli uiguri ed avvisa la polizia se un sospetto uiguro entra in qualsiasi istituzione pubblica o avverte il governo cinese se un numero crescente di uiguri tende a radunarsi in un’area specifica in un breve periodo di tempo. O ancora, il governo ha ordinato di installare su tutti i veicoli il sistema di navigazione satellitare Beidou ed ha costretto la popolazione locale a scaricare due app nei telefoni come mezzo aggiuntivo per controllare e raccogliere dati tra la popolazione.

Ne abbiamo parlato con Simone Pieranni, fondatore del sito China-Files e redattore de Il Manifesto.

Contrassegnato come:

Current track
TITLE
ARTIST