rivolte

Ieri sera i ragazzi rinchiusi nell’area blu dentro il Cie di corso Brunelleschi a Torino hanno dato fuoco alle stanze. L’area blu era l’unica ad essere ancora totalmente funzionante e vi erano detenute circa una trentina di persone. Provvisoriamente i reclusi dell’area blu sono stati rinchiusi nella sala mensa dell’area, attualmente nel Cie di Torino […]

Negli ultimi giorni è un gran parlare intorno ai Cie, con la cosidetta società civile che all’improvviso si accorge di ciò che andavamo raccontando da tempo, e cioè che dentro i Cie si vive peggio che nelle carceri, e si muore,  e che l’unica soluzione possibile è chiuderli. Intanto continuano le proteste, al cie di […]

“Contrastare la clandestinità è un dovere di civiltà”. Queste sono state le parole del ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri all’inaugurazione del Centro nazionale di coordinamento per l’immigrazione, lo scorso 15 febbraio a Roma. Tale centro dovrebbe essere una base organizzativa per i diversi corpi di polizia e le forze armate (carabinieri, guardia di finanza, marina militare e capitaneria di porto) impegnati nella guerra ai migranti. Non c’è altro termine per descrivere ciò che i governi europei, e quelli affacciati sul mare in primis, stanno mettendo in pratica lungo la fascia costiera del Mediterraneo: militarizzazione delle coste, uso dei più avanzati dispositivi tecnologici, cacce all’uomo per rinchiudere uomini e donne dentro lager in cui la vita umana non vale nulla. Perché i Centri di Identificazione ed Espulsione sono lager, lo abbiamo sempre detto e lo ribadiamo.
Questo l’incipit di un lungo articolo di Raffaele Viezzi

Ascolta l’intervista a Raffaele su immigrazione, CIE, informazione negata, permesso a punti, repressione:


Current track
TITLE
ARTIST