Tav. Ultimo tango a Parigi

Scritto dasu 25 Febbraio 2015

Un pugno di mosche. Ecco quanto si è trovato in mano il CIPE venerdì scorso, dopo decenni di studi e centinaia di milioni spesi. Il progetto dei francesi? Non pervenuto, semplicemente non l’hanno fatto. Quello della parte italiana? Non va bene, è da cambiare. Niente progetto complessivo dell’opera, niente costo certo: un capolavoro di geometrica inefficienza.

I costi per il tunnel di base – secondo i calcoli di LTF ed RFI – sono lievitati spaventosamente: sino a ieri 8 miliardi di euro, oggi sarebbero quasi 12. Il condizionale è d’obbligo, perché in assenza di un progetto vero è difficile qualsiasi previsione di spesa.

Sino ad una settimana fa mancava sia la delibera del CIPE sul progetto, sia la firma del protocollo d’intesa con il governo francese. Il tempo stringeva perché il 26 febbraio era l’ultima data utile per presentare la richiesta di finanziamento all’UE: senza quella la Torino Lyon era affondata prima della partenza.

I prestigiatori ministeriali hanno inventato l’approvazione con respinta, degna di una commedia all’italiana. Il CIPE approva, si, ma contestualmente rimanda indietro il progetto perché vuole sia cambiato. Cioè non approva. Se a questo si aggiunge che sul piatto c’é solo il 20% dell’opera in territorio italiano il quadro è chiaro. Una delle novità contenute nel progetto, sotto forma di prescrizione, è invece la richiesta al soggetto promotore di elaborare un approfondimento per avviare lo scavo del tunnel di base a partire da Chiomonte. Ma questo richiede una ulteriore valutazione di impatto ambientale, un diverso calcolo dei costi, approfondimenti tecnici. Non importa: il CIPE approva in bianco. Prima si ottengono i soldi poi si fa il progetto: l’importante è fare cassa.

In fondo, se si va oltre la narrazione da cartone Disney, è tutto molto semplice. L’opposizione No Tav non molla, scavare da Susa è impossibile perchè c’é il rischio concreto di rendere nuovamente ingovernabile il territorio. Il Governo vuole partire da Chiomonte, da un fortino militarizzato ed inaccessibile. Quale miglior soluzione che scavare il tunnel dl cuore della montagna? Milioni di metri cubi di roccia tra la nuova talpa e i No Tav.
C’è il “piccolo” intoppo che il progetto è da rifare e non può essere definitivo, e c’é anche la trafila della VIA. E’ il gioco dell’oca: si torna alla partenza, sperando che l’avversario faccia due giri fermo in prigione.
Quindi se ne riparla tra un paio di anni.

Ma che importa?
Con “approvazione con respinta” Renzi è volato a Parigi, dove ha ballato con Hollande l’ultimo tango nella ultraventennale storia della Torino Lyon.
Hanno sottoscritto l’ennesimo protocollo d’intesa, hanno fatto dichiarazioni altisonanti. Hollande, per non smentire la grandeur transalpina, ha dichiarato che “non c’é più nessun freno al Tav”, il treno “è ormai lanciato”.
Sono stati presi solenni impegni di evitare le infiltrazioni mafiose nei cantieri, fingendo di ignorare che una ditta senza certificato antimafia, che mai avrebbe potuto ottenere, ha lavorato a Chiomonte sin dal dicembre 2011.

Ma i fatti sono duri da smentire: la data di avvio dei lavori resta indeterminata, perché manca la VIA completa, non c’é il costo dell’opera, non sono state rispettate le condizioni fissate nell’accordo italo-francese del gennaio del 2001, non c’é un vero calcolo dei costi. Non c’é neppure la galleria geognostica di Chiomonte, perchè in 44 mesi LTF ha scavato solo un terzo del tunnel.
L’unica cosa certa è la nascita della nuova società che gestirà gli appalti, presidente il francese Du Mesnil, amministratore delegato l’architetto Mario Virano, che cumula la carica di responsabile di un’azienda privata con quella di Commissario straordinario per la Torino Lyon e di presidente dell’Osservatorio. Tra cappelli per un’unica testa.

Ne abbiamo parlato con Luca Giunti, ambientalista e membro della commissione tecnica dei comuni No Tav.

Ascolta la diretta:

2015 02 25 giunti tav


Current track
TITLE
ARTIST