Torino, all’università contestati gli esperti israeliani del Technion

Scritto dasu 15 Ottobre 2015

Mercoledi 14 ottobre alla facoltà di agraria di Grugliasco una decina di compagni/e hanno interrotto un convegno organizzato da Politecnico, Università di Torino e Israel Insitute of Technology (Technion) di Haifa, leggendo al pubblico e distribuendo un volantino e aprendo lo striscione LADRI DI TERRA E CRIMINALI DI GUERRA – BOYCOTT TECHNION BOYCOTT ISRAEL, subito rimosso dalla digos. Buona la reazione del pubblico, che era di circa 120 persone, con molti studenti che sono usciti a chiedere informazioni mentre i compas venivano portati fuori dai carabinieri per l’identificazione. In seconda battuta un compagno curdo ha sventolato la bandiera palestinese e lanciato slogan per la Palestina. Un compagno sprovvisto di documenti è stato portato in questura per il foto-segnalamento.

Giovedi 15 ottobre alla seconda parte del convegno, che si svolgeva al Politecnico e che ha visto un calo drastico di partecipanti (poche decine), si è deciso un volantinaggio diffuso in vari punti della struttura. A un compagno palestinese che partecipava al convegno non è stata data la parola, tre compagni sono riusciti a introdursi al buffet finale offerto dagli organizzatori per volantinare, ma sono stati accompagnati fuori. A conclusione della mattinata uno striscione ISRAELE START UP DELL’OPPRESSIONE è stato calato da uno dei piani alti vicini.

Ascolta la diretta “a caldo” con un’attivista raccolta subito dopo il blitz ad agraria:

Unknown

Prossimo appuntamento sabato 17 ottobre ore 14 ex stazione ceres (porta palazzo) per corteo in solidarietà alla resistenza palestinese e curda.


Current track
TITLE
ARTIST