Hong Kong: la legge sulla sicurezza nazionale scalda le piazze

Scritto dasu 29 Maggio 2020

Ieri è stato ratificato dall’Assemblea nazionale del popolo (parlamento cinese) che la legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong sarà scritta a Pechino. Di fatto, questo pone fine all’autonomia di Hong Kong. La reazione della piazza non ha tardato ad arrivare, con manifestazioni selvagge per tutta la città, violentemente represse dalla polizia. Fuori dalle banche serpeggiano lunghe code di persone che vogliono cambiare i propri risparmi in dollari americani per paura dell’effetto economico di svalutazione.Nel frattempo, gli USA, attraverso la voce di Mike Pompeo, annunciano che la perdita di autonomia coinciderà con l’innalzamento dei dazi sugli scambi commerciali equivalenti a quelli con la Cina.Il 4 giugno ricorrerà l’anniversario dei fatti di piazza Tienanmen, in questa occasione sarà possibile vedere i manifestanti tornare in piazza e sfidare i divieti posti.

Ne abbiamo parlato con la giornalista Ilaria Maria Sala, ascolta la diretta:

 


Current track
TITLE
ARTIST