europa

Pagina:2

Gli umori di tant* militanti di base della sinistra greca sono in questi giorni a terra, calpestati da un accordo che fa carta straccia dell’Oxi espressosi nelle urne solo diceci giorni fa. Stando ai reportage dei media di regime (davvero non si può utilizzare altra espressione dopo le performance delle ultime settimane) la maggioranza della […]

La prossima domenica il popolo greco sarà chiamato ad esprimersi in un referendum consultivo (senza potere effettivo) con un Sì (“Nai“)  o un No (“Oxi“) – da molti interpretato come un Sì al “Memorandum Syriza”, che sarebbe invero disposto a concedere ancora  molto – all’ultimo accordo proposto dalla Trojka. Quel che è certo è che […]

Ponte San Ludovico, confine fatto di nulla tra l’Italia e la Francia, in un litorale tutto uguale, stesse case, stesse facce. Un confine che l’Europa avrebbe cancellato, ma torna con il suo carico di gendarmi e poliziotti ogni volta che l’Europa della libera circolazione, si chiude di fronte a profughi, immigrati, manifestanti. Da oltre dieci […]

Nel pressoché totale silenzio dei media, dal 2013 è in corso un negoziato tra Stati Uniti ed Unione Europea finalizzato alla creazione di un’ampia area di libero mercato transatlantico tra le due entità (super-)statuali continentali: TTIP (TransAtlatic Trade & Investment Partnership), ovvero “Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti”. Come spesso accade in questi […]

Quanto sta avvenendo in Grecia, col nuovo corso politico inaugurato da Syriza dopo la vittoria elettorale, agita interessi, speranze e preoccupazioni nell’Europa attraversata dalla crisi. Sincere speranze per gli elettori delusi da una sinistra radicale frammentata e scarsa di proposte e facce nuove (in Italia e non solo), improbabili tentativi di palingenesi per un ceto politico […]

Il 17 e il 18 ottobre Torino ospita un summit dei ministri del Lavoro europei, riuniti per la Conferenza di alto livello sulla Carta Sociale Europea che dovrebbe garantire a tutti diritti economici e sociali fondamentali. Un summit d’ipocrisia, evidentemente, infatti a parlarne saranno proprio coloro che questi diritti li hanno smantellati con metodo negli […]

L’ennesima “tragedia del mare”, come siamo ormai stati abituati a derubricare le periodiche morti di massa prodotte dalle politiche europee sull’immigrazione nel Mar Mediterraneo conta questa volta già 17 morti accertati e oltre un centinaio di dispersi. Il gioco delle parti tra governo italiano e Unione Europea sulle responsabilità della nuova strage fanno venire il […]

Mentre i media nostrani (in particolare Rai e Repubblica, decisamente più prudente il Corriere) gongolano per la benedizione della Cancelliera Merkel alle proposte del neo-premier (senza porre il giusto rilievo sulle minacce implicite  che questi complimenti comportano), i giornali tedeschi sembrano invece ignorare la visita di Stato del ‘nostro’ a Berlino. Analoga perdita di simpatia […]

Come volevasi dimostrare, gli effetti della crisi interna ucraina si sono risolti nella spaccatura del paese in due parti in cui i nuovi confini che tagliano il paese seguiranno molto probabilmente la partimentazione tra popolazione di lingua ucraina e popolazione russofona. Nonostante la voce grossa in cui si sono esercitati in questi giorni Nato, Ue […]

La situzione nel risico mortale che si gioca tra Kiev e Sebastopoli, tra Mosca e Washington è oggi in stallo. Tra minacce ed atti concreti Putin ha mostrato le sue carte, dall’altra parte dell’Atlantico gli fa eco l’amministrazione Obama, mentre l’Europa, il cuore immaginario della sanguinosa battaglia condotta in piazza Indipendenza, ribattezzata piazza Europa, resta […]

Il media mainstream ci bombarda in questi giorni con il racconto delle proteste anti-russe e filo-europee che stanno riempiendo le piazze della capitale ucraina Kiev. Come sempre accade, quando oggetto del racconto è una contesa che contrappone sentimenti filo-occidentali versus interessi russi, l’ago della bilancia pende acriticamente verso una narrazione unilaterale che decanta le virtù […]

Una valutazione con Giangi (redattore di Radio Onda Rossa e sindacalista di base), sulla grande manifestazione che, sabato, ha portato più di centomila persone in piazza, a Roma, per il “No Monti Day”. Un’analisi sul carattere internazionale della mobilitazione romana, contro le politiche di austerity che, di fatto, hanno provocato lo smantellamento del welfare state, […]


Current track
TITLE
ARTIST