trieste

A cent’anni dall’impresa fiumana del “vate” D’Annunzio le destre, dal PD ai neofascisti, celebrano l’avventura dannunziana presso il monumento edificato tra Monfalcone e Ronchi dei legionari. Con Luca dell’associazione Ronchi dei partigiani parliamo delle iniziative che gli/le antifascist* hanno messo e metteranno in campo nella giornata di oggi. Mentre a Trieste si inaugura, tra le […]

Oggi abbiamo intervistato un lavoratore dell’ICS di Trieste (Consorzio Italiano di Solidarietà) che ha parlato dei motivi del presidio di questo pomeriggio a difesa dei lavoratori del consorzio – più di 80 rischiano di perdere il lavoro – e della difficoltà di svolgere un lavoro di accoglienza con le nuove norme del Decreto sicurezza. Comunicato […]

Il 18 settembre del 1938 il governo fascista promulgò le leggi razziali. Nei fatti era stata revocata la cittadinanza ad una parte della popolazione. Benito Mussolini, in una piazza dell’Unità a Trieste gremita da 150mila persone annunciava una serie di decreti regi e dichiarazioni che miravano a discriminare gli ebrei e limitarne la libertà. Sono […]

Lo scorso sabato c’è stata una prima iniziativa di piazza contro l’apertura dei CPR (centri di permanenza per il rimpatrio) in regione. Secondo il piano del governo dovrebbero aprirne diversi in ogni regione. Il Friuli-Venezia Giulia si è già candidato a ospitarne uno per provincia. Il primo ad aprire dovrebbe essere quello a Gradisca d’Isonzo, […]

In Italia il dibattito sulla nocività della produzione siderurgica si appunta sull’Ilva di Taranto, e coinvolge così tutti gli stabilimenti italiani nella lotta tra chi privilegerebbe la salute alla salvaguardia dei posti di lavoro. Ma le fonti di inquinamento e di decessi per disastro ambientale che impone la dislocazione di uno stabilimento di quella portata […]

Alle ultime elezioni locali nella città di Trieste è stato nominato Roberto Dipiazza, un sindaco di Forza Italia. Dipiazza è in linea con il vicesindaco leghista Pierpaolo Roberti,che sta conducendo una crociata contro i poveri, i senza casa, i profughi e i mendicanti. Il nuovo regolamento della polizia urbana, una bozza di ventiquattro pagine che avrebbe già incassato il […]

Ieri a Trieste si è tenuto il primo comizio di Salvini nel capoluogo della regione FVG con il solito pretesto di fomentare la sua campagna di odio contro i migranti. Ma gli antirazzisti e antifascisti triestini, che erano in presidio in piazza dal primo pomeriggio, hanno disturbato il comizio non appena Salvini ha iniziato a […]

In decine di località delle penisola è stato raccolto l’appello per una giornata di lotta nazionale contro il Tav e la repressione. 14 maggio 2013. Un gruppo di No Tav compie un’azione di sabotaggio al cantiere di Chiomonte. 14 maggio 2014. Quattro attivisti verranno processati per quell’azione. L’accusa è “attentato con finalità di terrorismo”. Non […]

L’incarico per la formazione del nuovo governo è stato affidato da Napolitano ad Enrico Letta, ex vicesegretario del partito Democratico. Mentre le agenzie battevano la notizia abbiamo sentito Marco Revelli, sociologo e docente all’università del Piemonte orientale. Con lui abbiamo provato a capire meglio gli avvenimenti dell’ultima settimana: dall’implosione del PD alla rielezione di Giorgio […]

Lunedì a Trieste si sarebbe dovuta tenere una conferenza, organizzata dalla Diocesi di Trieste, dal titolo “Sviluppo e Ambiente: disinquinare Trieste”. Invitati di lusso il ministro dell’ambiente Clini e il presidente della Regione Tondo. Cioè due fra i maggiori responsabili e promotori del progetto di costruzione di un rigassificatore (forse due!), nel golfo di Trieste. […]

Alina ha 32 anni quando muore nel commissariato di polizia di Opicina a Trieste.
Tre giorni prima era stata prelevata da una volante della questura all’uscita dal carcere, dove aveva trascorso gli ultimi nove mesi, per una condanna per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Alina non era una passeur prezzolata ma una persona solidale con altri immigrati come lei.
Alina non era in stato di fermo né di arresto: è stata quindi detenuta illegalmente.
Decide di uccidersi. La sua agonia durerà 40 minuti sotto gli occhi delle telecamere della questura, ma l’agente di guardia non trova un minuto per dare un’occhiata. Un suicidio “assistito”.
L’inchiesta per la morte di Alina scoperchia un vaso di pandora, che dimostra che le detenzioni illegali sono una pratica diffusa nella questura triestina.
I migranti sono sistematicamente sequestrati in previsione della loro espulsione.
Carlo Baffi, dirigente dell’ufficio immigrazione della Questura di Trieste, è attualmente indagato per sequestro di persona e omicidio colposo.
Forse non è un caso se nella perquisizione disposta dal Pm, nell’ufficio e nella abitazione di Carlo Baffi, vengono trovati e sequestrati libri nazisti e fascisti, libri di difesa della razza e “come riconoscere il giudeo”, poster del duce e simboli nazifascisti.
Baffi aveva messo nel suo ufficio, sotto gli occhi di tutti i suoi colleghi, la targhetta “Ufficio Epurazione” con l’effige di Mussolini.
Oltre ad Alina Bonar Diachuk altre 49 persone sono sequestrate allo stesso modo, i fascicoli sono stati sequestrati nell’ufficio di Baffi e adesso si stanno facendo le ricostruzioni necessarie.
Oltre duecento persone hanno partecipato al presidio sotto la Questura di Trieste svoltosi mercoledì 16 maggio.
Ne abbiamo parlato con un compagno di Trieste, Federico, che ha messo in rilievo come la pressione sulle istituzioni possa ridurre la violenza e gli abusi sistematici della polizia nei confronti dei migranti, ma, senza l’eliminazione di frontiere e leggi razziste, difficilmente ci sarà una reale inversione di tendenza.


Current track
TITLE
ARTIST