Month: giugno 2018

Domani 29 giugno alle 18 partirà da Piazza Statuto una critical mass raider, un corteo in bici volto a stravolgere il traffico cittadino per portare avanti le rivendicazioni che uniscono i lavoratori delle aziende di food delivery torinese, e cogliere l’occasione per conoscere i propri colleghi, sfidando la logica della chiamata “anonima” che fa tante […]

Oggi alle 17.30 parte da Piazza Palazzo di Città Nessun Norma, un pride indecoroso, contro le frontiere e i confini che non solo uccidono e distruggono le speranze di tanti migranti che tentano di attraversarli nella loro materialità, ma perimetrano comportamenti, normano corpi e identità nella loro accezione immateriale, sociale, simbolica ma anche concreta. Un […]

A un mese dalle elezioni vinte da Moqtad al Sadr, da anni importante protagonista sciita antiiraniano, che aveva operato una scelta di alleanze con il partito comunista e aveva avviato serie di contatti per il governo… poi l’evoluzione degli eventi, attentati, incendi di urne e riconteggi… lo hanno convinto a proporre un’alleanza con il secondo […]

La stampa italiana, seguendo i canoni dell’hasbarà, sottolinea pelosamente il lancio di preservativi incendiari nei campi dei coloni protagonisti del più colossale land grabbing della storia: i gazawi hanno come unica risorsa sfornare figli, che diventano bersagli per i militari israeliani, e i giornalisti italiani si chiedono da dove entrino queste pericolose armi di caucciù […]

Obrador ormai ha un distacco siderale dagli altri candidati alle elezioni del 1° luglio e quindi qualsiasi mossa possa operare Trump, non riuscirà a spostare voti in modo significativo, quindi l’operazione statunitense al confine che ha ottenuto una eco mondiale soltanto perché dalle maglie dell’informazione è sfuggito un filmato con un sonoro che ha raggelato […]

Ma anche a Torino… e infatti – scottati dai debiti ancora da ripianare dell’infausta Olimpiade di Castellani, Cristallin, Chiamparino – a Torino un timido movimento di protesta si fa sentire e le divisioni si sono aperte tra i Pentacerchiati subalpini. A Milano Sala cerca di avanzare la candidatura di una delle città più in pianura […]

Stamattina alle sette del mattino sono poliziotti e digos hanno iniziato e portato a termine intorno alle nove del mattino lo sgombero del Fenix, l’occupazione sorta il 4 maggio nelle strutture che ospitavano il Rosalia, proprio a fianco a dove era stato rioccupato e sgombrato di nuovo a dicembre il “vecchio” Fenix. Una operazione, avvenuta […]

“Decreto dignità”: con questa formula il ministro del lavoro Luigi Di Maio ha annunciato nei giorni scorsi un pacchetto di provvedimenti per contrastare la precarietà lavorativa di quanti sono inquadrati tramite piattaforme digitali, applicazioni e algoritmi; primi tra tutti i riders, che da tempo si stanno mobilitando in varie parti d’Italia contro lo sfruttamento imposto […]

Il candidato di destra Ivan Duque è il nuovo presidente della Colombia. Duque, leader del Centro democratico ha vinto il ballottaggio delle elezioni presidenziali che si è svolto domenica 17 giugno 2018, sconfiggendo il candidato  Gustavo Petro Urrego del partito Colombia Humana. In base al dato definitivo, diffuso dalla commissione elettorale al termine dello spoglio, […]

Quest’anno il Torino Pride è stato attraversato anche dagli attivist* che hanno lanciato Nessun Norma, altro corteo indecoroso per il 28 giugno, anniversario della rivolta di Stonewall. La sfilata del 16 era organizzata dal Coordinamento Torino Pride con il patrocinio di Comune di Torino, Regione Piemonte, Consiglio regionale del Piemonte, Torino Metropolitana, Provincia di Cuneo, […]

Una chiacchierata a 360 gradi con Maurizio (già circolo Maurice e tuttora referente scuole per il Coordinamento Torino Pride) all’indomani del corteo di sabato 16 giugno a Torino, uno dei Pride più partecipati e dichiaratamente antirazzisti degli ultimi anni. Si è parlato della contraddizione tra i numerosi spezzoni antirazzisti e la presenza degli amministratori 5 […]

Finito l’evento mediatico e propagandistico svoltosi nella cornice caldo umida di Singapore e dopo la diffusione di un documento generico e fumoso, senza allusioni a verificabilità e irreversibilità della denuclearizzazione, ma la fase era decisamente simbolica; un’ufficialità utile solo come facciata per avviare la pacificazione lunghissima e reale della penisola coreana, è interessante analizzare gli […]


Current track
TITLE
ARTIST