Mese: Dic 2017

Torniamo in Argentina dove le manifestazioni di piazza delle ultime settimane stanno tentando disperatamente di rimettere in discussione la riforma delle pensioni approvata dal governo neoliberista di Macri ma anche di invertire una tendenza, quella che vede una parte del vecchio schema di potere peronista appoggiare il governo in carica. Uscendo dai confini argentini sembra […]

In Italia il dibattito sulla nocività della produzione siderurgica si appunta sull’Ilva di Taranto, e coinvolge così tutti gli stabilimenti italiani nella lotta tra chi privilegerebbe la salute alla salvaguardia dei posti di lavoro. Ma le fonti di inquinamento e di decessi per disastro ambientale che impone la dislocazione di uno stabilimento di quella portata […]

Contro gli insegnanti diplomati magistrali: una sentenza inaccettabile, una sentenza che non si può accettare Con un pronunciamento che rovescia quanto stabilito da tutti quelli precedenti (che avevano accettato e sancito che il 2001 sarebbe stato considerato l’anno spartiacque per considerare validi e sufficienti i diplomi magistrali) e, soprattutto, che non tiene conto dei diritti […]

E poi si potrebbe proseguire con una sfilza di domande: applicheranno l’articolo 155 voluto da Rajoy, ormai ridotto a 3 seggi nel Parlament? Ogni sei mesi continueranno a votare a Barcellona, finché non esce il risultato richiesto da Madrid? Se gli inquisiti che rischiano 30 anni di galera spagnola rientrano sul sacro suolo catalano, verranno […]

Il Bitcoin è una valuta virtuale, che però puoi usare per comprare oggetti reali. Chiunque può crearne, e non è soggetta al controllo delle banche. In queste settimane se ne parla molto. Le ragioni sono tante. Alcune possiamo indovinarle, prima tra tutte l’incertezza provocata da una crisi economica e lavorativa in corso. Altre sono misteriose […]

La popolazione del Kurdistan iracheno si è ribellata di nuovo. Negli ultimi giorni la gente è scesa in piazza in 13 province del Kurdistan del sud con lo slogan “Governo dimettiti”. Sono moltissimi i villaggi e le città dove la popolazione ha protestato scontrandosi con le forze asayish, la polizia e i peshmerga anche se […]

Dopo le recenti elezioni politiche in Austria, il vincitore Sebastian Kurz, il giovanissimo leader del partito popolare, ha aperto all’estrema destra con una coalizione di governo con FPÖ, il partito neonazista e di ispirazione pangermanista già guidato in passato da Haider ed ora dal suo delfino, Heinz-Christian Strache.   Alla compagine  sono stati inoltre affidati […]

Oggi la Catalogna si reca alle urne per rinnovare il parlamento regionale di Barcellona. Un voto commissariato e calato dall’alto dallo stato centrale di Madrid, che assieme all’applicazione dell’articolo 155 (che prevede il commissariamento della regione da parte del governo centrale) ha imposto la consultazione elettorale per cercare di normalizzare la spinta indipendentista e riassorbire […]

Nel corso dell’ultimo mese abbiamo mandato in onda un approfondimento a puntate relativo all’esistenza ed alla potenza di espressioni di genere divergenti dalle norme locali nel contesto messicano. Le voci intervistate per Radio Blackout arrivano da Tijuana e da Città del Messico. Tra le problematiche toccate, il contesto culturale messicano legato alla costruzione di genere […]

Era attesa per lunedì la votazione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu sulla risoluzione, presentata dall’Egitto, di condanna del riconoscimento di Gerusalemme come capitale d’Israele. Dei 15 membri del consiglio, 14 hanno votato a favore del testo, respingendo la decisione unilaterale dell’amministrazione statunitense e rimettendo al centro la necessità di negoziati. Gli USA hanno però posto […]

Questo sabato, 23 dicembre, si terrà un presidio davanti al carcere minorile di Torino, il Ferrante Aporti.   Lo scorso 27 novembre due ragazzi detenuti al suo interno sono stati ricoverati d’urgenza al Cto; uno dei due era gravissimo e presentava ustioni su varie parti del corpo, in particolare sul viso. Dopo essere stato in […]

Barbara e Silvia, lavoratrici della cooperativa “Il Ponte”, che gestisce alcune comunità psichiatriche, di recente privatizzate, sono state licenziate per aver lottato per un servizio migliore e condizioni di lavoro che permettano di realizzarlo. Lo scorso autunno, dopo un iniziale provvedimento di sospensione, c’era stato un corteo di lavoratori e solidali. Barbara e Silvia sono […]


Current track
TITLE
ARTIST